fbpx
Connect with us

Politica

Il Comune di Ugento mette mano ai regolamenti

Published

on

CONDIVIDI SUBITO QUESTO ARTICOLO
TEMPO DI LETTURA 2 MinutI

Si terrà martedì prossimo, 18 gennaio 2022 alle 16.30 la seduta della Prima Commissione Consiliare permanente che deciderà in merito a delle modifiche richieste ai regolamenti sulle libere associazioni e del coniglio comunale.

Le modifiche richieste al regolamento comunale sulle libere associazioni sono fondamentalmente formali: in pratica si vuole delegare il presidente del consiglio comunale nel caso in cui un’associazione richieda il patrocinio gratuito del comune di Ugento. Questo per snellire l’iter ed evitare sempre una pronuncia della giunta comunale.

PropDelCC_2022_2_v4

Mentre per le modifiche al regolamento del consiglio comunale la questione sembra essere molto più seria e delicata, almeno a leggere attentamente il testo della modifica proposta dall’amministrazione comunale:

1.Nella discussione degli argomenti i Consiglieri Comunali hanno il più ampio diritto di esprimere apprezzamenti, critiche, rilievi e censure, ma essi devono riguardare atteggiamenti, opinioni o comportamenti politico-amministrativi, escludendo qualsiasi riferimento alla vita privata e alle qualità personali di alcuno.

2. Se un consigliere turba l’ordine, pronuncia parole sconvenienti o lede i principi affermati nel precedente comma, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale se nominato, lo richiama nominandolo.

3. Il richiamato può dare spiegazioni, in seguito alle quali il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale se nominato, conferma o ritira il richiamo.

4. Se il Consigliere persiste senza tenere conto delle osservazioni rivolte, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale se nominato, gli interdice la parola.

5. Se il Consigliere cui è stata interdetta la parola persiste ulteriormente nel suo atteggiamento oppure ricorre ad ingiurie contro il Presidente, il Sindaco gli Assessori o altri Consiglieri o offende il prestigio delle pubbliche istituzioni, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale se nominato può sospendere temporaneamente la seduta.

6.In caso di reiterate violazioni del Regolamento che impediscono il regolare svolgimento della seduta, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale se nominato può ordinare l’allontanamento del Consigliere dall’aula, fatto salvo, in ogni caso, il diritto del Consigliere allontanato a partecipare alla votazione finale.

7. Nell’ipotesi in cui il Consigliere rifiuti di abbandonare l’aula, come previsto nel precedente comma 6, il Sindaco o il Presidente del Consiglio Comunale se nominato può disporne l’espulsione

In pratica si introduce una norma che permette al presidente del consiglio comunale e al sindaco di poter interdire, e addirittura allontanare, i consiglieri comunali che si renderanno colpevoli di comportamenti sconvenienti, con l’assoluta discrezionalità del presidente e il sindaco.

Ma in che modo si può giudicare oggettivamente quando un argomento è politico e non personale? Il presidente del consiglio dispone di un tabellino della parole vietate?

Una norma che se non ben inquadrata con paletti e regole certe può trasformarsi in un vulnus democratico.

Ma come mai l’amministrazione comunale si è presa la briga di voler proporre una modifica del genere? Questa è la domanda che gireremo presto al presidente del consiglio comunale Maria Venere Grasso.

PropDelCC_2022_1_v6

Pubblicità
gipi service nuovo sito
Azzurra torre san giovanni

Videomaker, Fotografo, Giornalista ed esperto di marketing digitale. Tutto questo dopo aver vissuto dieci anni a Bologna ed esser tornato in Salento. Oggi dirigo la redazione di Ozanews, la comunicazione di Ugento Calcio e le iniziative di Officine Multimediali ETS mentre continuo a lavorare per i miei clienti storici.

Continue Reading
1 Comment

1 Comment

  1. Paolo

    16 Gennaio 2022 at 18:29

    Se non sbaglio l’attuale Segretario comunale non è la dott. ssa LANDOLFO.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *